Le terme. Il nostro sogno di fine inverno

terme

Backstage @Terme Apollo Foto di Andrea Mescalchin

L’acqua calda, la voglia di rimanere sospesi lasciandosi cullare. Siamo stati all’Hotel Terme Apollo ed è stato un sogno dolcissimo.

Ci sono luoghi che ti rapiscono, stupiscono, emozionano. E noi eravamo a caccia di un posto così quando siamo arrivati alle acque termali dell’Hotel Terme Apollo.
E l’atmosfera magica di questo luogo ci ha condotti fino alle vasche esterne. Dopo aver viaggiato nei labirinti sotterranei dei Monti Lessini le acque termali sgorgano calde e dolcissime, pronte ad accoglierci e ristorarci. E se qualche settimana fa le rigide temperature invernali rendevano delicato il passaggio da una vasca all’altra, ora che l’inverno sta giungendo alla fine è arrivato il momento di concedersi dei lunghissimi bagni spensierati.

Ed è proprio durante una immersione nel relax che abbiamo incontrato un’inedita sirena che volteggiava nelle acque delle terme dell’hotel. Alessia Bernardi, figlia dei proprietari dell’Hotel, era splendidamente immersa nelle acque delle terme, vestita con una creazione dell’atelier di Alvise Soffiato, Le Spose di Cocò.

A ritrarla il fotografo subacqueo Andrea Mescalchin pronto a raccontare il sogno delle terme e la magia di un momento che sembra eterno.
Ed è proprio così che ci si sente mentre si è immersi in quella che non sembra più una piscina, ma un’acqua infinita alla quale non sapevamo ancora di appartenere.

Backstage @Terme Hotel Apollo foto di Andrea Mescalchin

Il nostro è un sogno di fine inverno dal quale non ci vogliamo svegliare. E per far sì che continui, ci fermiamo ancora un po’. Ci lasciamo così tentare dal calore dei fanghi termali, dal relax dell’idromassaggio, dal tepore del bagno turco e dal calore della sauna finlandese.

E per destarsi dolcemente da questo sogno, non resta che abbandonarsi alla splendida vista sui Colli Euganei, magari sorseggiando un calice dell’ottimo vino locale.
Per vivere il vostro sogno di fine inverno, visitate il sito: www.termeapollo.it

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *