Categoria: Regali

Folli pantofole per combattere l’inverno

Fa freddo, fa freddo, fa freddo. Quante volte lo stiamo dicendo in questi giorni?

Di giorno ci aggiriamo imbacuccati perdendo ogni aspirazione da fashion victims, la sera ci rintaniamo a casa, sul divano girando con coperte a mo’ di mantello e bollenti tisane tra le mani, angustiando i nostri compagni di inverno con i piedi gelati. E allora ecco dieci folli pantofole per combattere il gelo dell’inverno, per smetterla con i piedi gelidi e riderci un po’ su!

1 – Le pantofole Lego. Rosse, morbidose e grandissime… non mettono una voglia matta di giocare?

Schermata 2017-01-17 alle 10.30.05

2 – Le pantofole unicorno. Magiche, tenere e un po’ infantili, sono perfette per dichiarare guerra alla realtà e rifugiarsi in un mondo caldo e fatato.

pantofole unicorno

3 – Le pantofole mostruose. Da regalare al burbero di casa, re delle nevi e dei brontolamenti.

Schermata 2017-01-17 alle 10.39.45

4 – Le portafortuna. Se la sorte è buona pestandola, sarà di buon auspicio averla ai piedi?

Schermata 2017-01-17 alle 10.42.33

5 – Le innamorate. Come nelle emoticons, perfette per chi ha il cellulare sempre in mano.

41GmnDQaPoL

6 – Le cattivissime. Ispirate al celebre film di animazione “Cattivissimo Me” portano ai piedi una buona dose di ironia e divertimento.

41cDGk6mqbL

7 – Le pantofole di Star WarsChewbacca è morbido, caldo e peloso come non lo avete mai visto!

51V+Gfw5xAL

8 – Le pantofole del Bianconiglio. Chi meglio di lui ci può guidare attraverso l’inverno?

Schermata 2017-01-17 alle 10.51.46

9 – Le pantofole panda. Per i più teneri e coccoloni, da usare camminando piano per casa e rotolando un po’.

Schermata 2017-01-17 alle 23.17.13

10 – Le pantofole zombie. Perfette per i sonnambuli, quelli che fanno fatica a svegliarsi la mattina e i fan di “The Walking Dead”.

Schermata 2017-01-17 alle 23.20.21

10 giochi degli anni ’90 che avremmo voluto ricevere a Natale

Qualcuno era bambino, altri già ragazzi, ma gli anni ’90 sono stati anni a colori ed è impossibile dimenticarsene. Aggiungiamoci il fatto che a quell’età, aprire i regali era bellissimo… e l’amarcord è servito. Sulla lettera di Babbo Natale iniziavano ad apparire i primi giochi elettronici, ma forse non erano nemmeno i più ambiti. Eh sì, perché le pubblicità, quelle cariche di bambini biondissimi che giocavano sorridendo su jingles xilofonati vestiti con dolcevita azzurri o magliette a righe, ci promettevano una felicità offline, quella che ci manca un po’.

mamma-ho-perso-laereo

E allora ecco una lista di dieci giochi che vi avrebbero fatto felici anche a Natale 2016

1 – Crystal Ball. “Non rompe niente e poi non macchia, ci puoi far cose divertenti, mille colori differenti…”. Giochi Preziosi aveva fatto il boom con questi tubetti di bolle plasticose che rassicuravano mamma e papà e galvanizzavano noi, che le spargevamo per casa e in cortile senza pietà, presi da una irrefrenabile voglia di pop art. O casino.

Schermata 2017-01-17 alle 08.49.19

2 – Il dolce forno ’90. Ma sapete che bello fare i biscotti che abbiamo visto preparare a Bake Off Italia nel Dolce Forno? Certo la cottura era lentissima, forse seccava un attimo l’impasto… ma utilizzare un forno di plastica, piccole ciotole, piccole teglie… mmm che bellezza! Anche perché alla fine, la piccola torta al cacao che riusciva sempre, era una merenda buonissima.

dolce_forno2_941-705_resize

3 – Indovina chi. “Ha i baffi?” Si cominciava sempre così, in modo da tentare la buona sorte. Se era un sì infatti, si potevano escludere donne e uomini rasati e poi via con occhiali, cappello, occhi… Cercare Susan, Peter, Charles, Maria e compagnia bella era uno spasso!

indovina-chi

4 – La fabbrica dei mostri. “La fabbrica dei mostri è scesa giù in città, orribili creature nessuno fermerà”. I mostri vanno sempre fortissimo, siano alieni, vampiri o zombie che siano, vogliamo mettere la soddisfazione di sfornare creature viscide e chifosette davanti a una puntata di X-Files?

18-0-La-Fabbrica-dei-Mostri

5 – Emiglio è meglio. Era l’epoca in cui si pensava che da lì a dieci anni le case e le vie sarebbero state piene di robot. Come Super Vicky, la bimba robot del telefilm che leggeva un libro in minuto, ricordava tutto di ogni cosa e sapeva riparare gli elettrodomestici di casa. Il povero Emiglio era una specie di cameriere, ci farebbe comodo oggi più di allora!

146686a

6 – Forza 4. Una base semplicissima, un uno contro uno di astuzia che ricorda un po’ la classica dama e via a partite che duravano anche un’ora tra una riflessione e l’altra, un succo e un panino con burro e zucchero. Che pensare mette fame eh…

forza-quattro-1974

7 – L’allegro chirurgo. Quel poveretto se ne stava lì sdraiato e spaventato, per niente anestetizzato, pronto ad essere operato da un bimbo distratto con le mani appiccicose. In pratica un gioco di mala sanità, attualissimo!

Unknown

8 – Gira la Moda. Le fashion blogger non possono che essere partite da qui per imparare a creare l’outfit perfetto. E se da piccole vi esibivate in accostamenti assurdi e abbinamenti casuali, ora sì che sapreste far girare la moda!

IMG_4282

9 – Il piccolo chimico. Reazioni, pozioni e giochi d’ingegno. Fare i cristalli era un prodigio, ma anche semplicemente giocare con provette e vasetti. E ora, che di chimica ne sappiamo esattamente quanto all’ora, sarebbe ancora magia.

2d29fd0e7811942b053f9e411ba98837_orig

10 – Il tamagotchi. L’idea di un cucciolo a Natale è sempre bella, se rimane dentro a un ovetto di plastica ed è un piccoletto giapponese senza peli poi…

mCwhNIXQVZISRFSliyUhf8w

Un Natale bianco. Perché il Bianco Natale c’è già

Caro Babbo Natale

per questo Natale, vorrei un Natale Bianco. E lo so che ora penserai a come fare. Una grande gelata? La calce sui palazzi, sulle strade? Tanta panna montata, ovunque? No, non ti preoccupare. Forse basta la neve. Quella che scende all’improvviso, leggera e densa, croccante, bianchissima. Quella che luccica sul davanzale e copre tutto. Se i miei concittadini leggessero questa lettera, inizierebbero a lamentarsi, solo al pensiero. Le strade bloccate, il gelo, i parcheggi difficili. Verissimo. Ma io voglio la neve perché niente come la neve sa avvolgere le cose, niente come la neve rende morbido il cuore. Io voglio la neve perché regala un volto nuovo alle solite cose, un volto di nuvole, come quelle che si vedono dal finestrino dell’aereo e si vorrebbero toccare. Voglio che scenda e basta, placando ogni rumore. Così tutte le cose che cadono, e ne cadono anche a Natale, non si romperanno e non faranno quel rumore lì, quello dei mille pezzi. Così il freddo, sarà un freddo di neve, mica di nebbia. Un freddo limpido, un freddo bianco come il sale.

 

Occhio ai regali boomerang!

Gli anni scorsi, qualcosina, ci è tornato indietro. Il praticatissimo sport del riciclo dei regali, talvolta, genera situazioni imbarazzanti… cosa dire a chi ci ripropone la candela decorativa che gli avevamo regalato solamente lo scorso anno? Niente. La risposta giusta è niente. Un po’ perché a Natale siamo tutti più buoni si sa, ma anche perché tutto sommato, prenderla con leggerezza è spesso la strada migliore per trovare il lato ironico della faccenda. E se iniziassimo a regalare ai riciclatori delle cose che ci potrebbero servire?

Pensate la gioia di aprire il pacchetto e trovare quel sottopentola in sughero che avreste preso per voi, quella chiavetta usb di Batman che non vi eravate mai concessi e la sciarpa caldissima, morbida e sempre benvenuta. Vi avvisiamo che è molto probabile che non torneranno indietro, sarebbe troppo bello e la sorte beffarda lo sa. Ma tentar non nuoce!

 

10 regali di Natale sotto i 5 euro!

OK è tardi, il portafoglio piange, ma la voglia di sorprendere con un piccolo dono, c’è. Il Natale ci travolge con gli appuntamenti per lo scambio di auguri, doni e pensieri… ma come sopravvivere facendo felici tutti? Ecco allora delle piccole idee regalo sotto i 5 euro, per tutti!

1 – Per l’amica romantica: la mug da viaggio in porcellana di Maisons du Monde € 4,25

mug-da-viaggio-in-porcellana-matilda-500-2-38-148089_1

2 – Per l’amico festaiolo: la fischetta cromata di Tiger € 5

20092502

3 – Per l’amica nonna papera: lo stampo per biscotti “home made” su Amazon a € 2,38

41stloismjl

4 – Per la zia che ama i fiori: il set di 2 vasi Ikea € 3,99

varvind-set-di-vasi__0429895_pe584258_s4

5 – Per l’amico rockettaro: la chiavetta usb a forma di chitarra elettrica € 4,15 su Amazon

412gusvbifl

6 – Per l’amica beauty addicted: lo scrub per il corpo di H&M € 4,99

hmprod

7 – Per chi sa sognare: il copricuscino che viene dal mare su Amazon a € 0,99

51ouiusquql

8 – Per gli amici vintage: il planisfero anticato su Amazon a € 3,53

71hwdjqh8ql-_sl1024_

9 – Per i neo genitori: i pupazzetti inventastorie di Tiger, € 3

1701017

10- Per l’amica modaiola: il guanto da cucina “Gold Pineapple” di Maisons du Monde € 4,99

guanto-da-cucina-motivo-ananas-in-cotone-gold-pineapple-500-12-9-165116_1

 

 

Dieci idee regalo per chi ama le renne

Tenere, buffe, fotogeniche e… adorabili! Il Natale è il momento in cui le riscopriamo ed eccole comparire su biglietti di auguri, maglioni e doni. Qui troverete dieci idee perfette per chi le ama.

1 – Il poster “Oh Deer” schermata-2016-12-04-alle-16-18-37

2 – I barattoli golosi  schermata-2016-12-04-alle-16-23-23

3 – Gli orecchini schermata-2016-12-04-alle-16-29-01

4 – I dolcetti     schermata-2016-12-04-alle-16-26-37

5 – Per i piccoli schermata-2016-12-04-alle-16-33-44

6 – Il decoro da parete  schermata-2016-12-04-alle-16-31-15

7 – Sculture portacandele schermata-2016-12-04-alle-16-35-46

8 – Le birre schermata-2016-12-04-alle-17-01-21

9 – Le mug  schermata-2016-12-04-alle-16-41-01

10 – I brownies

 schermata-2016-12-04-alle-17-24-11

5 regali di Natale che non hanno prezzo

Se non abbiamo scritto che non costano niente, non è perchè per farli si debba mettere mano al portafogli, ma perché magari qualcosa potrebbero costare. Ad esempio il tempo, un po’ di concentrazione e chissà, un po’ di sentimento. Ma questo è il Natale e da sempre è il momento giusto per fare cose che non facciamo di solito quindi, perché no?

1 – Una bella foto. Non ne stampiamo più di questi tempi, le teniamo per noi nel cellulare, scattiamo, cancelliamo e poi scattiamo ancora… ma cosa resta poi? Ricevere una foto capace di cristallizzare un bel momento, fa sempre piacere.

2 – Un libro che vi appartiene, con dedica. Se vi è tanto piaciuto leggere un libro e volete consigliarlo a una persona a cui volete bene, Natale è il momento giusto per donarglielo, con una dedica speciale scritta a mano.

3 – Dei cioccolatini o dei biscotti fatti a casa. Chiudeteli poi in una bella confezione, magari una scatola trasparente che li lasci vedere, arricchita da un nastro in seta, velluto o rafia. Niente sarà carino come queste coccole impacchettate.

4 – Una visita guidata nella vostra città. Prendetevi il tempo di studiare un itinerario e stupite chi riceve il regalo con una dose inaspettata di tempo, interesse e curiosità.

5 – Una cena speciale. Regalate un “buono” per una cena che preparerete a casa accogliendo l’ospite trasformando casa vostra in ristorante per una sera. Un antipasto scenografico per iniziare, un buon vino, un primo corposo e un dolce goloso per chiudere in bellezza.

La lettera di Anna, single, trentenne, orgogliosamente gattara

Caro Babbo Natale, è passato un altro anno di feste, cene con amici, primi appuntamenti, catastrofi su Tinder e gatti. Siamo arrivati a tre, perché Ulisse, il più piccolo, era troppo peloso per essere lasciato in quella pozza di fango e me lo sono portato a casa. Vorrei che fosse un dolce Natale questo che arriva, ecco cosa vorrei:

Lettera di Luca, il 35enne nerd

Caro Babbo Natale, oramai mi conosci viste le incredibili file che ti ho fatto fare da Games Stop gli scorsi anni. Ma visto che la mia fidanzata si lamenta per il numero di videogames che ho accumulato e per le numerose sere passate a cercare di superare un maledetto livello… quest’anno ti chiedo solo favolosi, innocui, irripetibili gadgets:

Urban Outfitter, il lato cool della lettera a Babbo Natale

Vorrei qualcosa alla moda, ma non impegnativo. Vorrei ricevere un regalo sfizioso, audace e contemporaneo. Quindi, caro Babbo Natale, quest’anno la mia lettera è digitale, prepara i folletti a una notte di shopping online… basta un click su Urban Outfitter!

Vorrei…

1 – La rosa Fujifilm Instax Mini 8 Camera in Pink     schermata-2016-11-30-alle-17-41-44

2 – La dolce Elephant Tea Mug                                 schermata-2016-11-30-alle-17-43-34

3 – Il must to have LuMee Perfect Selfie iPhone 6/6s Case 5560443020001_070_b

4 – Le miao  Skinnydip x Zara Martin Kitty Headphones  5560447223421_028_b

5 – Il marmoreo Ohh Deer White Marble Daily Journal    5622443000167_010_b

La lettera per Babbo Natale di Stella, mamma sull’orlo di una crisi di nervi

Caro Santa

sono Stella e non ti scrivevo da un po’. Dall’ultima lettera che ti ho mandato ne sono successe di cose… Mi sono trasferita a Roma per amore, ho avuto due figli, mi sono sposata, ho adottato un cane, un gatto, ho avuto il terzo figlio e sono diventata socia dello studio legale in cui lavoravo. Continuo ad adorare le barbie e le tende da indiano, ma sono richieste che troverai nella letterina di Giulia, la mia bimba più grande 🙂

Questa lettera invece, è tutta per me che vorrei che questo Natale contenesse un kit di sopravvivenza allo stress e al nervosismo di tutti, che mi portasse una pausa rigenerante per affrontare con una carica ancora maggiore capricci, pannolini, pappe, cause, compiti a casa e gelati spalmati sul divano.

Ecco cosa vorrei:

  • Una giornata alle Terme di Saturnia (qui tutte le amiche ci sono state e dicono sia un paradiso)
  • Un bracciale Fitbit, per avere uno stimolo in più a camminare, fare movimento e prendermi un po’ cura di me…
  • L’abbonamento alla rivista La Cucina Italiana, che contiene sempre una sezione di menu semplici e veloci e qualche approfondimento sulle tecniche di cottura
  • L’aspirapolvere Vileda Autonomo, così potrei mettere la radice quadrata alle mie sessioni di aspirazione dei pavimenti!
  • Il libro L’arte della quiete. Come viaggiare stando fermi
    di Pico Iyer, che promette di farci prendere le giuste distanze dalle ansie quotidiane e farci viaggiare restando fermi
Tutti possono scrivere su Magic Blitzen: racconta qui la tua storia di Natale

La lettera di Andrea e Karen, foodie addicted

Caro Babbo Natale,

 

questa lettera la scriviamo in due. Abbiamo oramai 40 anni suonati, ma eccoci a prepararci al Natale come quando eravamo bambini. Non ci perdiamo una puntata di Masterchef, Cucine da Incubo, Unti e bisunti e Bake Off. La nostra libreria pullula di libri di cucina, dalle ricette tradizionali alle preparazioni asiatiche. Ecco allora le nostre richieste per continuare a coltivare assieme questa grande passione:

Tutti possono scrivere su Magic Blitzen: racconta qui la tua storia di Natale

Il tè delle feste secondo Royal Copenhagen

Tè, zucchero, biscotti… a Natale ogni cosa ha bisogno del suo abito delle feste. Royal Copenhagen svela la sua anima decorativa con un servizio ispirato alle ghirlande di natale. Maialini infiocchettati, burattini, cuori e cavalli a dondolo vi stupiranno sul servizio da tè più magico di questo Natale. Bere il tè sarà come fare un viaggio tra omini di pan di zenzero, stelle e cristalli di neve.

royal-copenhagen